La scuola allo schermo – schabi.ch

Se un insegnante di scuola elementare – ed ex sviluppatore di software – non ha uno strumento digitale per le lezioni, lo inventa.

Così è nata schabi.ch, una piattaforma per scuole, insegnanti e studenti. Quello che era iniziato come un hobby ad uso personale, Christof Müller lo ha messo a disposizione di altri insegnanti alcuni anni fa. Grazie al passaparola, il sito ha iniziato a farsi conoscere. Nel novembre del 2018 Christof Müller ha creato la PMI «Schule am Bildschirm GmbH». A causa del lockdown per il coronavirus, il numero di utenti di schabi.ch è aumentato a passi da gigante.

 

Signor Müller, cosa offre la piattaforma gratuita schabi.ch?

L’obiettivo di schabi.ch è quello di offrire supporto all’insegnamento analogico con utili assistenti digitali. Schabi offre raccolte di link, una stanza di formazione, strumenti di amministrazione e un blog.

Con le raccolte di link od «home page» gli insegnanti hanno la possibilità di creare pagine per le loro classi, team, consigli studenteschi, gruppi di lavoro, genitori o il pubblico.

Questi siti possono condividere link, video, documenti, compiti e molto altro ancora. Nella «stanza di formazione» ci sono esercizi di matematica o tedesco.
La «cattedra» fornisce agli insegnanti gli strumenti amministrativi per organizzare più facilmente la loro vita scolastica quotidiana. Ad esempio, la gestione dei compiti a casa è stata molto richiesta durante il lockdown. Ciò ha permesso agli insegnanti di distribuire compiti alla classe o ai singoli alunni e di avere una panoramica di chi ha già fatto o consegnato qualcosa.
Il «blog» tratta argomenti rilevanti per la scuola come l’educazione ai media, materiali didattici validi o strumenti utili.

L’ampia area di aiuto con corsi, istruzioni e video è sicuramente interessante anche per gli insegnanti.


La licenza di base è gratuita, ma c’è anche una licenza pro, qual è la differenza?

Anche se schabi.ch è completamente priva di pubblicità, gli insegnanti, i privati e gli studenti possono creare gratuitamente un account utente e provare tutto. Con questa licenza di base ogni utente può creare due pagine iniziali proprie. Se viene voglia di un numero illimitato di pagine e si desidera l’offerta estesa, si consiglia la licenza di classe per CHF 63.– l’anno.

Il sito può essere utilizzato da un massimo di tre insegnanti per classe. Anche la licenza di classe è gratuita per il primo mese. Così si può dare un’occhiata e decidere con calma.


Lei afferma che: «Per l’educazione ai media degli educatori, il coronavirus è stato una fortuna.»

Sì, credo di sì! Abbiamo dovuto guardare oltre il nostro naso, siamo stati costretti a confrontarci con l’apprendimento digitale a distanza, abbiamo dovuto percorrere nuove strade, abbiamo capito cosa funziona e cosa no. Il periodo del coronavirus ha ampliato la nostra tavolozza pedagogica, e ce ne ha fatto vedere il lato piacevole. E poi… gli studenti non hanno mai desiderato così tanto andare a scuola, quella vera. Il che dimostra che l’educazione è una cooperazione tra insegnante e studenti. C’è bisogno della relazione reale e nessun computer può sostituirla - ma ci sono molte aree di apprendimento in cui la tecnologia può essere molto utile e di supporto.